Home » Energia libera » L’altra faccia di Nikola Tesla

L’altra faccia di Nikola Tesla

Laboratorio Tesla - Colorado Springs

Tesla è stato un inventore, fisico e ingegnere elettrico, conosciuto soprattutto per il suo fondamentale lavoro nel campo dell’elettromagnetismo. Al tempo, fu definito dai suoi ammiratori più accaniti “l’uomo che inventò il ventesimo secolo”.

LE SCOPERTE RIVOLUZIONARIE

Negli anni novanta del XIX secolo aveva trasformato il mondo sfruttando l’elettricità. Il suo genio gli permise di creare numerose meraviglie scientifiche: il motore elettrico a induzione, la corrente alternata (AC), la radiotelegrafia, il radiocomando a distanza e le lampade a fluorescenza.

Tesla trasmette elettricità attraverso il suo corpo, 1899 -foto: www.wikipedia.org

IL CONCETTO DI ENERGIA LIBERA

Secondo Tesla, questa “nuova” energia era illimitata, poteva essere estratta dall’ambiente a costo zero, trasmessa ovunque e “ricevuta” con una semplice antenna. Tali affermazioni suscitarono ovviamente interesse e curiosità. 

UNA FOLLIA DA 1 MILIONE DI DOLLARI

L’inventore intendeva usare la Torre Wardenclyffe per trasmettere grandi potenze elettriche sfruttando la risonanza naturale della Terra.  
La torre fungeva da conduttore per trasmettere potenza e comunicazioni senza cavi, tramite un trasmettitore di amplificazione.

Nel 1903, dopo aver appreso il vero obiettivo di Tesla, il banchiere J.P. Morgan decise di sospendere i finanziamenti economici.
La Torre Wardenclyffe venne smantellata e considerata dalla stampa come “la follia di Tesla da un milione di dollari”.

Wardenclyffe Tower – Long Island N.Y.-foto: www.wikipedia.org

LA MACCHINA VOLANTE

Il progetto non prevedeva l’uso di un motore a combustione interna o ali, alettoni, propellenti o di qualsiasi fonte di combustibile. Inizialmente, Tesla pensò a un aereo in grado di volare grazie a un motore elettrico alimentato da un generatore a terra. Con il passare del tempo, immaginò che questo aereo potesse muoversi in maniera interamente meccanica.

Macchina volante Nikola Tesla – foto: www.wikipedia.org

LA MACCHINA PER FOTOGRAFARE IL PENSIERO

Egli pensava che un pensiero formatosi nel cervello creasse una corrispondente immagine nella retina. Lo scienziato sosteneva che l’impulso elettrico di questa trasmissione neurale potesse essere letto e registrato in un dispositivo. L’informazione, una volta immagazzinata, sarebbe stata poi elaborata da un nervo ottico artificiale e visualizzata come immagine su uno schermo.

IL MURO DI LUCE

Tesla inoltre ipotizzò che le forze elettriche e magnetiche potessero distorcere, o addirittura modificare sia il tempo che lo spazio. In seguito studiò procedure con le quali controllare tali energie.
L’inventore riteneva che manipolando le onde elettromagnetiche avrebbe consentito di alterare sia lo spazio che la gravità e la materia.

In seguito, nacquero una serie di progetti che sembrano usciti direttamente dalla fantascienza: il teletrasporto, il viaggio nel tempo, la propulsione antigravità e uno speciale trasmettitore chiamato “Teslascopio”.
Tramite quest’ultimo progetto, Tesla riteneva di poter inviare segnali e “comunicare” con forme di vita extraterrestri .

Rappresentazione della macchina fotografica dei pensieri -foto: www.wikipedia.org

IL DECLINO E IL TELEFORCE

Dalla posizione di superstar della scienza nel 1895, Tesla nel 1917 era virtualmente un “signor nessuno”, costretto a piccoli esperimenti scientifici in solitudine.
Al momento della sua morte stava lavorando sul teleforce: un progetto che aveva proposto senza successo al Dipartimento della Guerra degli USA. Al tempo, la stampa lo aveva ribattezzato “raggio della pace” o “raggio della morte“.

Progetto Teleforcefoto: www.wikipedia.org

Il governo americano non trovò alcun prototipo dell’apparecchio nella cassaforte, anche se suoi scritti vennero classificati come top secret.
Il “raggio della pace“, secondo alcune teorie cospirative fu concepito come mezzo di distruzione. Il capo della futura FBI (all’epoca BOI) J. Edgar Hoover dichiarò il caso :“most secret”, data la natura delle sue invenzioni e dei suoi brevetti.

Ad oggi, una parte degli studi di Tesla rimangono avvolti nel mistero. Alcune di esse avrebbero, se realizzate, cambiato il volto del mondo, garantendo energia pulita e gratuitamente a tutta l’umanità.

Fonti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *