Home » cambiamenti climatici » Nostradamus, le profezie sul terzo millennio

Nostradamus, le profezie sul terzo millennio

Nostradamus

Questo inizio millennio è caratterizzato da incertezze e paure dovute ai numerosi eventi di diversa natura, che stanno cambiando il volto del nostro pianeta.
Sono sempre più tangibili le conseguenze dei cambiamenti climatici; negli ultimi anni ci sono stati devastanti terremoti; guerre e numerosi attacchi terroristici. Le diseguaglianze sociali più lampanti e oggi si aggiunge la diffusione su scala mondiale del Coronavirus.

Tutto questo, sembra sia stato già predetto cinquecento anni fa da Nostradamus. Esso è stato un astrologo, scrittore, farmacista francese vissuto nel 1500, ritenuto tra i più famosi e importanti scrittori di profezie della storia.

MEDIO ORIENTE ALLA RISCOSSA

Secondo le profezie di Nostradamus: nei conflitti futuri un ruolo importantissimo lo giocherà il Medio Oriente. L’attenzione delle grandi nazioni è focalizzata su questa parte della terra. Soprattutto sui loro depositi di petrolio e dove oggi vive la maggior parte dei musulmani che popolano il pianeta. Una volta riscoperte le loro radici islamiche e stanchi di essere soffocati dalle super potenze, hanno cominciato a riaffermarsi politicamente. La loro arma più potente è il petrolio, di cui l’occidente ha sempre notevolmente bisogno.

Nella nostra epoca, infatti, nel Medio Oriente, ogni anno si estrae circa un miliardo di tonnellate di petrolio ovvero un terzo della produzione mondiale. Per molti decenni le risorse petrolifere sono state gestite da compagnie americane ed europee. Solo dalla fine degli anni Sessanta i singoli stati hanno iniziato ad assumere il controllo diretto delle proprie risorse. Alcuni paesi, come l’Iraq e l’Algeria, hanno nazionalizzato gli impianti di estrazione, altri hanno creato proprie compagnie nazionali, affiancandole a quelle straniere.

articolo “opec contro usa” foto: www.ilprimatonazionale.it

L’OCCIDENTE SOTTO ATTACCO

Secondo il profeta ci sarà: un anticristo, che verrà dall’oriente e sbarcherà in molte zone dell’adriatico, devastando, oltre alle isole minori, anche Sicilia e Sardegna.
Ad oggi non sappiamo chi possa essere l’anticristo descritto dal noto profeta, e non abbiamo nemmeno subito le devastazioni alle quali esso si riferiva. Ci sono eventi però che devono sicuramente farci riflettere.

Nel corso degli ultimi decenni, come ben sappiamo, l’occidente ha subito numerosi attacchi terroristici di matrice jihadista. Si tratta del fenomeno terroristico armato che invoca il principio-dovere islamico del jihād (la “guerra santa” contro gli infedeli).
Stando ai dati raccolti dalla Fondapolo: in tutto il mondo, dal 1979 al 2019 si registrano 33.769 attentati islamisti. Essi hanno provocato la morte di 167.096 persone e il ferimento di 151.431 individui.

Attentato Bataclan – Parigi – foto: www.vaticannews.va

L’islamizzazione del vecchio continente, oggi è già una realtà. Dal 2010 al 2016, ben il 78 per cento dei richiedenti asilo, arrivati in Europa, hanno dichiarato di essere musulmani.
Secondo il centro di ricerche americano Pew Research Centre: gli islamici in Europa sono 25,8 milioni, circa il 5 per cento della popolazione totale. Nel 2050 potrebbero oscillare tra 35,8 o 75 milioni.

Moschea piazza Duomo- Milano foto: www.ilgiornale.it

LA TERZA GUERRA MONDIALE

Nelle sue centurie, Nostradamus preannuncia: una futura alleanza fra gli islamici e la Russia per diventare più forti. Il conflitto comincerà con nuove tensioni tra i popoli europei. La Germania prevarrà nuovamente sugli altri popoli, pronti ad aggredire i propri vicini per motivi economici. Spagna e Francia inizieranno una guerra contro i tedeschi e Parigi verrà invasa e distrutta da armi chimiche. L’Italia almeno per il primo anno non parteciperà a questo grave conflitto, perchè ancora impegnata in una sua guerra civile.

Alla luce di quanto emerso dalle scritture del profeta, ci sono numerosi fatti nella realtà di oggi che meritano attenzione.
L’Islam è la seconda religione della Federazione Russa e conta 20 milioni di fedeli e più di 8 mila moschee.

La Russia da anni risulta il maggior sponsor del programma nucleare e missilistico della Repubblica Islamica dell’Iran. La federazione, non disdegna gli integralisti islamici, come il presidente ceceno Ramzan Khadirov, quando sono alleati di Mosca. Né disdegna le milizie islamiche pro-russe, della Cecenia e del Daghestan, quando combattono contro i cristiani ucraini e georgiani, nel nome della Russia.

Vladimir Putin e il premier iraniano Hassan Rouhani – foto: www.foreignpolicy.com

Nel 2020 lo stato economico e sociale dell’intero pianeta è in ginocchio a causa del Coronavirus. In Europa, le nazioni più colpite sono la Spagna e l’Italia, seguite da Germania e Francia. Durante le trattative per la ripartizione dei fondi per far fronte all’emergenza, si sono verificate diverse tensioni fra alcuni stati membri dell’Unione Europea.
La Germania, insieme ad altri paesi nord-europei si oppone all’emissione degli ormai famosi “Coronabond“, proposti dai paesi più colpiti dal virus. Con il rifiuto di queste misure, la Germania si mette di traverso agli “stati mediterranei”, ovvero l’Italia, Spagna e Francia.

Tutto ciò, accade in un contesto storico dove serve maggior unità e cooperazione fra i paesi europei. La solidarietà diventa di fondamentale importanza per la credibilità di questa unione di stati, che ad oggi tra l’altro risulta ai minimi storici.

Da ricordare anche che all’inizio della pandemia, l’Italia aveva richiesto maschere e altro materiale e nessun paese membro ha risposto alle richieste d’aiuto. Il Belpaese, oltre alle difficili trattative europee, affronta diverse divisioni all’interno del suo governo.
La maggior parte della classe dirigente italiana e della stampa nazionale, come al solito, si dimostra mediocre. Politici e giornalisti creano confusione e alimentano tensioni sociali diffondendo numerose informazioni non veritiere.

Vittime Coronavirus portate via dall’esercito a Bergamo – foto: www.bergamonews.it

Insomma, la situazione attuale non è delle migliori, sembra che ci siano tutti gli elementi necessari per la realizzazione di quanto sostenuto dal noto profeta.

la fine della terza guerra mondiale secondo Nostradamus: gli Arabi riusciranno ad invadere la Russia, si alleeranno con la Germania. Mentre l’occidente e in guerra e sotto il comando dell’Anticristo e minacceranno diverse nazioni europee. A sconfiggerli ci penserà un francese (un Gallo). Arriverà il Grande Giorno, quello che segnerà l’inizio di una nuova età di pace e felicità. Ma fino ad allora una grande catena di avvenimenti continueranno a sconvolgere il mondo con lotte, dolore, cataclismi. Poi, finalmente la Nuova Era.

LA NUOVA ERA

Molti profeti in genere, non solo Nostradamus, hanno scritto parlando del nuovo millennio, di una “fine del mondo” e “fine dei tempi”. Questo non significa necessariamente totale distruzione di ogni essere vivente.
La nuova era, dunque, dovrebbe apportare nuovo benessere e una nuova e migliore civiltà; questa dovrebbe instaurarsi subito dopo il crollo di quella precedente. Essa porterebbe con sé l’unificazione dell’umanità sotto un unico credo religioso, un’unica forma politica, un unico sistema economico.

Globalizzazione – foto: www.antrodichirone.com

UN CAMBIAMENTO RADICALE E’ IN ATTO

Oggi, la nuova era è già un realtà evidente. Prende il nome di “globalizzazione“: la diffusione su scala mondiale, grazie ai nuovi mezzi di comunicazione, di tendenze, idee e problematiche.
Inoltre la crisi attuale, come ben sappiamo, ridisegnerà totalmente il nostro modo di vivere.

E’ stata proprio la “normalità” che ci ha trascinato nella situazione critica che stiamo vivendo. Oggi come civiltà abbiamo l’opportunità di ripartire e dobbiamo smettere di maltrattare il nostro pianeta.
Sarà importante introdurre un economia “green”, circolare per far fronte alle diverse emergenze. Bisogna adottare un diverso approccio nello smaltimento dei rifiuti per ripulire terre e oceani: bisogno cambiare il concetto di rifiuto con il riutilizzo.

L’inquinamento atmosferico può calare sensibilmente con l’introduzione di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale.
Diventa indispensabile incentivare l’uso di tecnologie che sfruttano l’energia solare e promuovere la bioedelizia. Bisogna incentivare l’architettura sostenibile, sia per le nostre abitazioni, che per i luoghi di lavoro. Gli impianti di riscaldamento inquinano fino a sei volte in più dei trasporti.

Da articolo pulizie spiaggia wwf – foto: www.varesenews.it

Il Coronavirus ha anche messo a nudo le nostre debolezze in quanto esseri viventi. Mai come oggi, risulta fondamentale che il sistema sanitario di ogni nazione sia totalmente efficiente.
E’ necessario rinnovarlo e digitalizzato al fine di ottenere le migliori performance possibili. Questa crisi, inoltre sta generando nuova povertà in un mondo dove molti lavori manuali, sono sostituiti sempre di più dalle nuove tecnologie. Diventa sempre più urgente affrontare il tema dell’introduzione del famoso reddito universale. Le diseguaglianze portano solo tensioni e divisioni, la cosiddetta “guerra fra poveri” .

Inquinamento aria e Covid 19 – foto: www.scienzainrete.it

La natura deve tornare ad essere in primo piano, non dimentichiamoci delle drammatiche conseguenze dovute allo scioglimento dei ghiacci polari. La variazione dell’asse terrestre, e le temperature più elevate stanno causando numerosi disastri naturali.
E’ ancora vivo il ricordo degli incendi devastanti in Australia e in Brasile. Gli alberi sono più importanti di quanto possiamo immaginare.

Climate change – foto: www.startmag.it

In questa epoca, stiamo vivendo la transizione da un età puramente materialistica a una, che punta alla spiritualità. Il cambiamento è alle porte e non si tratta solo di un bisogno, ma un’azione necessaria al fine di salvaguardare la razza umana.

Fonti:

1 commento su “Nostradamus, le profezie sul terzo millennio”

  1. E’ INNEGABILE CHE ABBIAMO INTRAPRESO UN CAMMINO SBAGLIATO BASANDOCI SU PRESUPPOSTI ERRATI QUALI RAZZA, COLORE, INTELLETTO, CULTURA, RELIGIONE, MODO DI VIVERE, NON CONSIDERANDO DI ESSERE TUTTI FIGLI DELLA STESSA TERRA. NON CONSIDERANDO CHE IL TUO PROBLEMA E’ ANCHE IL MIO, NON RTSOLTO PRIMA O POI RCADE SU TUTTI. LE LOTTE AVREBBERO DOVUTE ESSERE RIVOLTE VERSO DI NOI PER VINCERE I NOSTRI ISTINTI PRIMITIVI, EGOISTICI E SPESSO BRUTALI QUESTO SAREBBE STATO ELEVARSI PER RAGGIUNGERE LA SPIRITUALITA’ INSITA IN OGNUNO E SPESSO NEGATA. AMANDO SINCERAMENTE LA NOSTRA CASA-TERRA AMEREMMO ANCHE NOI STESSI.AMANDO LA NATURA AMIAMO NOI STESSI.SIAMO PARTE DELLA NATURA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *